Preraffaelliti. I capolavori della Tate in mostra a Torino

Preraffaelliti. I capolavori della Tate in mostra a Torino

di Luca Minella

Un grande evento espositivo è stato inaugurato presso le sale espositive di Palazzo Chiablese a Torino: i capolavori dei Preraffaelliti, provenienti dalla Tate Gallery di Londra, saranno in mostra fino al 13 luglio 2014; i visitatori avranno così modo di ammirare in Italia alcuni tra i più importanti dipinti di quella confraternita di giovani e talentuosi artisti che, verso la metà del XIX° secolo, rivoluzionarono il linguaggio moderno della pittura inglese fornendo un enorme contributo a quel rinnovamento internazionale delle arti che sarebbe pienamente fiorito alla fine del secolo. Ford Madox Brown, William Holman Hunt, Dante Gabriele Rossetti, John Everett Millais, Edward Burn Jones, William Morris, Arthur Hughes sono alcuni dei nomi più celebri presenti nella mostra.

Il percorso espositivo mostrerà le principali tappe tematiche attraverso cui la storia della confraternita ha sviluppato la sua ricerca artistica: la riscoperta del medioevo, l’interpretazione romantica dell’eredità di Shakespeare, l’estetismo, l’idealismo utopico, l’oriente biblico, l’approccio diretto al paesaggio, l’erotismo ambiguo della figura femminile, il simbolismo. Ogni salone tratterà in modo specifico ognuna di queste tematiche, ancora aperte allo studio e alle ricerche della critica internazionale con esiti che negli ultimi anni hanno portato alla luce nuove scoperte e innovative interpretazioni.

I visitatori saranno accolti da uno dei più grandi capolavori di John Everett Millais, ovvero l’Ophelia, importantissimo dipinto dell’Ottocento inglese ammirato e difeso da John Ruskin, a lungo osannato dal pubblico e corteggiato dai mercanti. E’ un’opera che colpisce per la straordinaria resa naturalistica, dolcemente descritta, degli elementi vegetali che fanno da contorno alla figura mollemente immersa nell’acqua. Per realizzarlo, l’allora ventiduenne Millais, fece posare in una vasca piena d’acqua riscaldata la modella Elisabeth Siddal, la vegetazione invece fu ritratta separatamente lungo le rive dello Hogsmill River.

Tra gli altri capolavori sono presenti Lear and Cordelia e Jesus washing Peter’s feet di Ford Madox Brown (figura che ispirò la confraternita e maestro di William Holman Hunt), Ecce Ancilla Domini e Beata Beatrix di Rossetti a cui si aggiungono The Awakening Conscience di Hunt e Love and the Pilgrim di Burne Jones, opera quest’ultima che sorprenderà per la profonda sensibilità simbolista e per le notevoli dimensioni.

Preraffaelliti. L’utopia della bellezza; dal 19 Aprile 2014 al 13 Luglio 2014, Palazzo Chiablese, Torino

Luca Minella

Luca Minella

Studente presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell'università di Bologna, laurea in storia dell'arte presso Università di Torino, apprendistato di pittura presso la Angel Academy of art di Firenze; studioso di pittura del XIX secolo e arte orientale, pittore.

Luca Minella ha scritto articoli per ArtShape.