L’Oriente di Pasini in mostra a Torino

L’Oriente di Pasini in mostra a Torino

di Luca Minella

Si inaugura alla Fondazione Accorsi di Torino la mostra “L’oriente di Alberto Pasini”: un grande numero di dipinti realizzati da uno dei più importanti artisti orientalisti del diciannovesimo secolo costituiranno un magico ed affascinante percorso attraverso un oriente ormai scomparso e carico di suggestioni.

L’evento segna una notevole importanza nel settore delle mostre dedicate all’Ottocento italiano presentando il frutto della carriera di un grande artista di respiro internazionale che nel 1855 ebbe l’opportunità di aggregarsi ad una missione diplomatica francese e di vedere luoghi meravigliosi come il Cairo, il Sinai, la Palestina e la Persia. Fu il primo di molti altri viaggi che diedero all’artista la rara opportunità di vedere e ritrarre dal vero le meraviglie della Istanbul dei sultani, l’Armenia, l’Egitto, la Siria, fino ai deserti e alle grandi moschee della Persia. Infatti anche tra i più accaniti pittori (e viaggiatori) orientalisti pochi viaggiarono così tanto come Pasini.

L’allestimento è ben progettato con una luce soffusa in grado di rilassare l’occhio del visitatore nel percorso della visita, si avrà inoltre la possibilità di vedere opere rimaste inedite al grande pubblico provenienti da collezioni private, gallerie dell’ottocento italiano e dai depositi della Gam di Torino. Anche all’opera grafica è stata dedicata una sezione apposita, sarà infatti possibile vedere i preziosissimi diari di viaggio dell’artista pieni di bozzetti e acquerelli che registrarono il suo passaggio dall’Egitto alla Persia. Non mancano poi disegni e litografie di vedute suggestive rappresentanti moschee, madrase, fortezze e deserti.

La mostra svelerà ai visitatori alcune delle opere più belle e raffinate (alcune mai esposte al pubblico) eseguite dall’artista nel corso della sua carriera; il gusto e la tecnica sopraffina lo portarono anche al centro della scena parigina guidata da Goupil con il quale Pasini intrecciò uno stretto rapporto d’amicizia e lavoro. Le magiche vedute di Istanbul hanno immortalato il Corno D’oro nell’immaginario collettivo, la maestosità delle moschee persiane, la folla e i mercati delle città, i beduini dei deserti palestinesi, i cavalieri circassi al galoppo, i terribili Arnaut e i temerari Bashi nelle strade del Cairo faranno rivivere la grande suggestione di un oriente ormai scomparso ma ancora vivo nel fascino, nella bellezza e nel mistero.

L’oriente di Alberto Pasini, Fondazione Accorsi, Torino, dal 7 febbraio al 19 giugno 2014

Luca Minella

Luca Minella

Studente presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell'università di Bologna, laurea in storia dell'arte presso Università di Torino, apprendistato di pittura presso la Angel Academy of art di Firenze; studioso di pittura del XIX secolo e arte orientale, pittore.

Luca Minella ha scritto articoli per ArtShape.