La Galleria Nazionale di Parma si svela e adotta un “non visitatore”

La Galleria Nazionale di Parma si svela e adotta un “non visitatore”

di Carmela Santini

Nel 2012 la Galleria Nazionale ha iniziato un’importante azione di marketing rivolta alla città e alle numerose persone che per lavoro o turismo passano da Parma. Ha creato un brand con gli altri istituti culturali collocati all’interno del medesimo palazzo per avere una maggiore visibilità. Sono stati programmati cicli di attività ludico-didattiche e visite guidate per fare conoscere le opere e fidelizzare i cittadini creando, successivamente, anche un’associazione di sostenitori finalizzata a promuovere la galleria e a finanziare alcune iniziative. È stato ampliato l’orario di visita con biglietto ridotto pomeridiano, ammodernato il sito web, creata una mailing list e studiato il monitoraggio dei visitatori. Sono stati coinvolti, attraverso progetti, giovani e artisti contemporanei per dare linfa vitale al museo e creare curiosità. In seguito a queste iniziative c’è stato un notevole incremento dei visitatori.

È appena terminata l’iniziativa più innovativa: “adotta un non visitatore”. L’azione di marketing che coinvolgendo giovani e partner culturali ha sondato, tramite brevi questionari, le aspettative di chi non frequenta il museo con l’intento di proporre attività che possano incontrare anche i gusti dei “non interessati” facendo leva su chi è già fidelizzato e sulla rete culturale locale. Oltre a proseguire in questa direzione sarebbe importante curare i servizi accessori quali bookshop e punto ristoro per rendere più piacevole la visita e incrementare le entrate.

parma-galleria-nazionale-sala-paolo-barone teatrofarnese-Copia

Carmela Santini

Carmela Santini

Laureata in Storia dell'arte moderna e affascinata da tutto ciò che è bellezza nelle sue varie espressioni. Interessata e impegnata nel settore dell'arte legata al turismo.

Carmela Santini ha scritto articoli per ArtShape.