Alma Tadema e i pittori dell’Ottocento inglese

Alma Tadema e i pittori dell’Ottocento inglese

di Luca Minella

Al Chiostro del Bramante è in corso la mostra su Alma Tadema con opere prestigiose e di grande bellezza provenienti dalla collezione Pèrez Simòn.

E’ un evento molto importante per lo studio dell’Ottocento inglese e internazionale, questa mostra itinerante infatti permette al pubblico di avvicinarsi ad alcuni dei più importanti capolavori dell’Inghilterra tardo vittoriana tra i quali si evidenziano non solo le opere di Alma Tadema (raramente esposte in Italia) ma anche quelli di artisti come Frederich Leighton, Godward, Goodall, Rossetti, Millais, Albert Moore e molti altri.

E’ bene ricordare la possibilità di rivedere nella nostra capitale l’Antigone di Leighton, accompagnata da una serie di opere inedite (per l’Italia) di Alma Tadema. Proprio da queste preziose scene di genere, ambientate nella Roma antica, inizia un articolato percorso espositivo accompagnato da video, didascalie esaustive e citazioni letterarie tratte dai più importanti autori del decadentismo europeo.

La mostra si snoda su diversi piani e concede ai visitatori di sostare in un piacevole ambiente dove è proiettato un interessantissimo documentario sulla storia e le caratteristiche della collezione Pèrez Simòn; si passa così attraverso diverse sale che sono dedicate a diverse aree tematiche del gusto tardo-vittoriano: dai nudi sensuali di Poynter alle visioni sospese del Waterhouse, all’orientalismo biblico e lussureggiante di Goodall alle bellezze nostalgiche di Godward ritratte fra preziosi tessuti e marmi di templi antichi.

I capolavori di Alma Tadema, sovente caratterizzati dal potente e sofisticato tonalismo, si alternano a quelle dei suoi colleghi e si troveranno ben distribuite all’interno del percorso. Ottima anche l’illuminazione e l’allestimento che concede un’accurata disposizione spaziale e una rilassante fruizione di tutti i dipinti.

La grande eleganza di queste opere conduce infine all’ultima sala appositamente allestita per il grande capolavoro The Roses of Eliogabalus, opera dipinta da Alma Tadema nel 1888. Vero e proprio manifesto dell’ Aesthetic Movement, richiamerà l’attenzione di tutti i visitatori che in questo raro evento espositivo avranno la possibilità di ammirarlo finalmente anche in Italia.

ALMA-TADEMA E I PITTORI DELL’800 INGLESE. COLLEZIONE PÉREZ SIMÒN, 16 febbraio 2014 – 5 giugno 2014, Roma, Chiostro del Bramante

Luca Minella

Luca Minella

Studente presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storico-Artistici dell'università di Bologna, laurea in storia dell'arte presso Università di Torino, apprendistato di pittura presso la Angel Academy of art di Firenze; studioso di pittura del XIX secolo e arte orientale, pittore.

Luca Minella ha scritto articoli per ArtShape.